Con “Controluce” ti passa la paura del buio. Anzi alla fine lo apprezzerai.

..un’immagine su tutte mi salta alla mente: la strada davanti a te completamente buia, illuminata solo dai fari della tua auto che va e riproduce dallo stereo gli Zeronauta. In fondo è un’immagine che ci può stare benissimo nel contesto di un album che risponde al nome di Controluce. Mentre scivolo sulla statale mi sembra quasi che gli acuti di Gregorio mi diano il tempo per cambiare marcia. Il suo timbro vocale particolare è l’elemento che sembra risaltare di più, spesso e volentieri. Gregorio ha la qualità di avere questo timbro quasi graffiato, che lo rende unico e subito riconoscibile, sa quando alzare la voce e lo fa con precisione e decisione apprezzabili.

Quando la alza è proprio come se buttasse lì un attimo di luce in un pezzo in ombra, volenteroso di riprendere il gioco di luci. È molto interessante come i ragazzi siano riusciti a far compiere alla musica questo gioco. In ogni brano ritorna la strada buia che accoglie la tua auto, ma ecco d’improvviso, deciso, un lampione che alza il livello di luminosità. Ecco quel lampione è la voce che si alza, la chitarra che si fa più decisa e la batteria di Dario che si “incattivisce” quasi a volerti dare quella spinta ed assicurarsi che tu rimanga vigile alla guida. La cosa bella è che i momenti in ombra ti fanno comunque stare bene, né te né la tua auto sentite di dover aver timore di questo buio. L’armonia e il ritmo sono così coinvolgenti e goderecci che ti mettono a proprio agio e si lasciano più che apprezzare. Controluce è un album che ti aiuta a combattere l’ansia e la paura del buio, qual’ora tu la provassi, ti dimostra come negli angoli bui possa nascondersi un calore inebriante e una dose di forza da poter sfruttare.

È un album, come tanti altri, che merita il massimo della visibilità, di stare sotto i riflettori e l’attenzione, perché i ragazzi magari nell’ombra ci stanno anche bene, ma per te sarebbe veramente un peccato perderti questa loro prima creatura.

..Giamba

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Blog su WordPress.com.

Su ↑

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: